GIO’ PONTI: DA MILANO A PARIGI ALLA PUGLIA

mercoledì 3 aprile 2019

a cura di Raffaele Casciaro

La recente mostra che il Musée des Arts Décoratifs di Parigi ha dedicato a Gio Ponti, ha rivisitato la sua intera attività di designer e arredatore, con una ricca e qualificata antologia di mobili, con l’oggettistica da tavola, le porcellane, il design industriale applicato ad una vasta gamma di oggetti d’uso. In maniera ancor più ambiziosa, la mostra ha voluto anche rappresentare l’architettura di Gio Ponti, con un ampio apparato fotografico, con filmati e con una sorprendente ricostruzione in mostra della grande vela della Concattedrale di Taranto. Oltre a costituire la cornice stessa della mostra, la ricostruzione in scala del monumento tarantino ha costituito un’autentica celebrazione dell’architetto.

L’edificio è stato definito in uno dei pannelli introduttivi della mostra, come “l’apogeo della ricerca per la trasparenza e la leggerezza coltivata per tutta la sua vita”. Il ruolo centrale e il giudizio lusinghiero sul progetto per Taranto non possono non richiamare, per contrasto, la scarsa considerazione che l’edificio della Concattedrale ha riscosso presso i tarantini nel loro complesso. Che cosa non ha funzionato tra l’edificio e la città? Su questo si interrogherà il relatore, proponendo un excursus su Gio Ponti che raffronterà la chiesa tarantina con altri edifici dell’architetto.

Per la richiesta di prenotazione clicca qui

Descrizione

Per visualizzare il programma dettagliato devi essere registrato al sito. Se sei un utente registrato effettua il LOGIN, altrimenti registrati.
REGISTRATI LOGIN