FONDAZIONE PRADA: LA MOSTRA SANGUINE E LA COLLEZIONE PERMANENTE NELLA TORRE

mercoledì 30 gennaio 2019

a cura di Paola Boccaletti

Torniamo nuovamente alla Fondazione Prada per ben due visite, la prima alla raffinata mostra Sanguine e la seconda alla collezione permanente ormai stabilmente esposta nella nuova Torre realizzata da Rem Koolhaas.
Inizieremo al mattino con l’esposizione Sanguine. Luc Tuymans on Baroque, una lettura personale del Barocco ideata da Luc Tuymans e costituita da accostamenti inediti tra lavori di artisti contemporanei e opere di maestri del passato, che forzano i confini abituali della nozione stessa di Barocco. Seguendo la lezione di Walter Benjamin, secondo cui il Barocco segna l’inizio della modernità, Tuymans indaga la ricerca di autenticità, il valore politico, il turbamento indotto dall’arte, l’esaltazione della personalità e la dimensione internazionale della produzione artistica, riconoscendo nel Barocco l’interlocutore privilegiato dell’arte di oggi. Una immersione poetica e talvolta brutale fra le pieghe di un’eredità “pesante”, cui gli artisti di oggi reagiscono mettendo in campo astrazione e carnalità, in dialogo con maestri del calibro di Caravaggio, de Zurbarán, Rubens e van Dyck.

Dopo il pranzo libero nel Bar Luce, visiteremo i sei piani espositivi della Torre, struttura in cemento e vetro nella quale la scelta di Koolhaas di variare l’altezza dei piani risponde all’esigenza di creare un’atmosfera più intima per alcune opere e di grandiosità per altre installazioni. Qui Miuccia Prada e il direttore scientifico Germano Celant hanno sviluppato la mostra permanente Atlas, che riunisce opere della Collezione Prada realizzate tra il 1960 e il 2016, in una sorta di mappatura delle idee che ne hanno guidato la formazione e delle collaborazioni con gli artisti che hanno contribuito allo sviluppo della Fondazione. Gli spazi accolgono così assoli o confronti, creati per assonanza o contrasto, tra artisti come Carla Accardi e Jeff Koons, Walter De Maria, Mona Hatoum ed Edward Kienholz, Michael Heizer e Pino Pascali, William N. Copley e Damien Hirst, John Baldessari e Carsten Höller.

Per la richiesta di prenotazione clicca qui

Descrizione

Per visualizzare il programma dettagliato devi essere registrato al sito. Se sei un utente registrato effettua il LOGIN, altrimenti registrati.
REGISTRATI LOGIN