FIRENZE: IL CODICE LEICESTER DI LEONARDO AGLI UFFIZI E MARINA ABRAMOVICH A PALAZZO STROZZI

mercoledì 21 novembre 

Il Codice Leicester di Leonardo da Vinci giunge a Firenze come anteprima di assoluta grandezza nell’ambito delle celebrazioni leonardiane che si svolgeranno in tutto il mondo nel 2019 in occasione dei 500 anni della sua morte. La mostra Il Codice Leicester di Leonardo da Vinci. L’Acqua Microscopio della Natura è frutto di oltre due anni di preparazione ed è realizzata dalle Gallerie degli Uffizi e dal Museo Galileo. Ed è davvero un evento eccezionale perché consentedi vedere una delle opere più importanti del Maestro, forti delle conoscenze moderne sui temi dell’acqua e dell’ambiente,che sono il filo rosso che lega le 72 pagine del manoscritto. Un’opera fitta di geniali annotazioni e di straordinari disegni, che Leonardo vergò tra il 1504 e il 1508, anni per lui di intensa attività artistica e scientifica. Era infatti il periodo nel quale effettuava gli studi di anatomia, cercava di far volare l’uomo, era impegnato nell’impresa della pittura murale raffigurante la Battaglia di Anghiari a Palazzo Vecchio e studiava soluzioni avveniristiche per rendere l’Arno navigabile.

Le pagine del Codice (prestatodal suo proprietario, Bill Gates) vengono esposte in originale e rese integralmente visibili grazie a una tecnologia innovativa, che permette di sfogliare i singoli fogli suschermi digitali, accedere alla trascrizione dei testie ricevere informazioni sui temi trattati. Le teorie del genio di Vinci sono inoltre esploratein una serie di studi scientifici che ne dimostrano l’attualità sconvolgente. Sono esposti anche alcuni spettacolari disegni originali di Leonardo, prestati da prestigiose istituzioni italiane e straniere, realizzati in quegli stessi anni, una stagione davvero ‘magica’ della storia di Firenze.

La mostra rappresenta anche l’occasione ideale per scoprire il nuovo allestimento delle Sala di Leonardo delle Gallerie degli Uffizi, accanto alla nuova Sala di Michelangelo e Raffaello. Il grigio delle pareti evoca gli interni delle chiese toscane del Quattrocento, per le quali vennero eseguiti i dipinti riuniti in questo spazio.

Dopo il pranzo libero, raggiungeremo Palazzo Strozzi, che ospita una grande mostra dedicata a Marina Abramović, una delle personalità più celebri e controverse dell’arte contemporanea, che con le sue opere ha rivoluzionato l’idea di performance mettendo alla prova il proprio corpo, i suoi limiti e le sue potenzialità di espressione. L’evento si pone come una straordinaria retrospettiva che riunisce oltre 100 opere offrendo una panoramica sui lavori più famosi della sua carriera, dagli anni Settanta agli anni Duemila, attraverso video, fotografie, dipinti, oggetti, installazioni e la riesecuzione dal vivo di sue celebri performance attraverso un gruppo di performer specificatamente formati e selezionati in occasione della mostra.

La nostra visita sarà qui condotta da Ludovica Sebregondi, curatore della Fondazione Palazzo Strozzi e bravissima comunicatrice, che ci ha indicato anche la persona che ci accompagnerà nella visita agli Uffizi.

Per la richiesta di prenotazione clicca qui

Descrizione

Per visualizzare il programma dettagliato devi essere registrato al sito. Se sei un utente registrato effettua il LOGIN, altrimenti registrati.
REGISTRATI LOGIN