IL RINASCIMENTO DI GAUDENZIO FERRARI

11 – 12 Maggio 2018

Guida culturale Alessandro Rovetta
Accompagna Ilaria Erede

Finalmente una grande mostra celebra Gaudenzio Ferrari (1475-1546), uno dei massimi esponenti del Rinascimento piemontese, inserito da Giovanni Paolo Lomazzo tra i sette Governatori nel “Tempio della Pittura” accanto a Mantegna, Michelangelo, Polidoro da Caravaggio, Leonardo, Raffaello e Tiziano.
Questa mostra rappresenta un’occasione imperdibile per conoscere o riscoprire la grandezza di Gaudenzio Ferrari, che ha lasciato nel territorio vercellese e novarese la parte più importante della sua ricca produzione artistica. L’esposizione, infatti, si sviluppa tra Varallo, Vercelli e Novara e racconta in ordine cronologico i capitoli della vita dell’artista attraverso le opere giunte in prestito da prestigiosi musei italiani e stranieri, da storiche raccolte private come quella dei principi Borromeo e, naturalmente, attraverso le opere presenti in chiese, cappelle, santuari, in un percorso che coniuga arte, storia e territorio. Vero e proprio gioiello della mostra, inoltre, è il ponteggio installato in Santa Maria delle Grazie a Varallo che permette di ammirare “vis a vis” il capolavoro qui affrescato da Gaudenzio Ferrari. 
Una sorta di “mostra omnia” dunque, che rivela pienamente la complessità dell’arte di Gaudenzio, il quale seppe coniugare la lezione stilistica di maestri come Leonardo e Perugino con un linguaggio originalissimo, semplice e teatrale, capace di raccontare il messaggio religioso con uno stile inconfondibile e coinvolgente.
E a condurci in questo percorso sarà una guida d’eccezione: il prof. Alessandro Rovetta, consigliere di Sala delle Asse e profondo conoscitore di questo artista, che saprà presentarci in modo esemplare.

Per la richiesta di prenotazione clicca qui
Categoria:

Descrizione

Per visualizzare il programma dettagliato devi essere registrato al sito. Se sei un utente registrato effettua il LOGIN, altrimenti registrati.
REGISTRATI LOGIN